Schema di Piano Economico Finanziario: come calcolare i flussi di cassa

In questo articolo spiego come calcolare i flussi di cassa con uno schema di piano economico finanziario, dettagliando tutti i passaggi necessari.

Questo articolo, come sempre, garantisce un taglio concreto e pratico datomi dalla redazione di piani economico-finanziari per clienti e progetti di ogni tipologia

Aggiungo anche per vostra comodità uno schema di calcolo con tutti i valori necessari al calcolo dei flussi di cassa e con la rappresentazione dei flussi di cassa nel così detto metodo indiretto.

1. Calcolo del flusso di cassa operativo netto

Lo schema di piano economico finanziario parte dal reddito netto del conto economico (utile netto)

  • si aggiungono i costi così detti “non monetari” cioè ai quali non corrispondono un uscita di cassa: ammortamenti ed accantonamenti. (infatti gli ammortamenti sono un costo del conto economico ma non implicano un uscita di denaro in quanto l’uscita di denaro è legata all’investimento che ha generato l’ammortamento)
  • si sottraggono gli oneri finanziari in quanto non rappresentano un costo di tipo operativo ma finanziario
  • si perviene al valore relativo al flusso di cassa operativo netto, cioè il flusso di cassa che rappresenta la sintesi delle entrate ed uscite di natura operativa.

Se vuoi dettagli relativi al conto economico leggi questo articolo

2. Schema di piano economico finanziario: calcolo del flusso di cassa operativo

Per arrivare al totale del flusso di cassa operativo è necessario rettificare con la variazione del capitale circolante netto (che faremo calcolando le variazioni tra uno lo stato patrimoniale di inizio periodo e quello di fine periodo) perchè il conto economico (ricavi e costi) senza le variazioni seguenti non “contiene” i flussi di cassa relativi a:

  • un aumento di magazzino = un uscita di cassa
  • un aumento di crediti = un uscita di cassa
  • un aumento di debiti = un entrata di cassa
  • una diminuzione di magazzino = un entrata di cassa (è uscito magazzino quindi è entrata cassa)
  • una diminuzione dei crediti = un entrata di cassa (mi hanno pagato i clienti quindi è entrata cassa)
  • una diminuzione dei debiti = un uscita di cassa (ho pagato i fornitori quindi è uscita cassa)

3. Aggiungo l’effetto degli investimenti (ed eventuali disinvestimenti)

Il flusso di cassa operativo si chiama così perchè riguarda la gestione operativa (vendita e acquisti). Ad essa dobbiamo aggiungere l’effetto degli eventuali investimenti e disinvestimenti per giungere al flusso di cassa della gestione ordinaria.

4. Aggiungo l’effetto della componente finanziaria

La componente finanziaria sarà data da oneri finanziari e pagamento di rati dei prestiti (rimborsi). Aggiungeremo questi 2 valori (qui per comodità non parliamo delle altre componenti di carattere finanziario ma lasciamo i 2 valori principali che di solito si trovano in un rendiconto finanziario)

Giungo così al flusso di cassa della gestione (cioè che comprende l’intera gestione aziendale). A questo punto il nostro schema di piano economico finanziario è completo in tutte le sue parti

Piano Economico Finanziario: risposte alle domande frequenti

Che cos’è un Piano Economico Finanziario?

Il Piano Economico Finanziario è un documento che integra la parte economica con quella finanziaria di un’azienda, delineando previsioni di ricavi, costi, investimenti e flussi di cassa. È uno strumento essenziale per la pianificazione e il controllo della gestione aziendale.

Qual è l’importanza di avere un Piano Economico Finanziario?

Un Piano Economico Finanziario aiuta a prevedere e gestire le risorse finanziarie dell’azienda, facilitando la pianificazione a breve e lungo termine, l’allocazione ottimale delle risorse e la valutazione della sostenibilità economica del business.

Come si sviluppa un Piano Economico Finanziario efficace?

Per sviluppare un Piano Economico Finanziario efficace, è necessario analizzare dettagliatamente i costi, i ricavi e gli investimenti previsti, considerare differenti scenari e ipotesi, definire obiettivi finanziari chiari e realistici, e monitorare costantemente l’andamento dei risultati.

Qual è la differenza tra un Piano Economico e un Piano Finanziario?

Il Piano Economico si concentra sugli aspetti operativi dell’azienda come ricavi, costi e margini di profitto, mentre il Piano Finanziario si occupa della gestione dei flussi di cassa, degli investimenti, del finanziamento e della struttura patrimoniale. Insieme formano il Piano Economico Finanziario.

Come valutare l’efficacia di un Piano Economico Finanziario?

Per valutare l’efficacia di un Piano Economico Finanziario è importante confrontare le previsioni con i risultati effettivi, analizzare le variazioni significative, monitorare i KPI finanziari stabiliti e apportare eventuali correzioni o aggiornamenti in base all’andamento reale dell’azienda.

Hai bisogno di supporto, vuoi approfondire o cerchi altro materiale?

Se hai bisogno di supporto per la redazione del piano economico finanziario CONTATTAMI senza impegno per una consulenza gratuita.

Se vuoi approfondire puoi vedere il mio canale youtube su business plan e piani economico finanziari

Segue inoltre un link utile di approfondimento

https://st.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2011-06-22/piano-economicofinanziario-165053.shtml?uuid=AarwjBiD

Approfondisci con gli articoli correlati!

Link esterni utili

Pianificazione economico finanziaria

Business plan : definizione

Hai bisogno di aiuto per la TUA impresa o startup?

CLICCA QUI per ottenere 30
minuti di consulenza gratuita

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter
Facebook

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Segui i miei contenuti anche sui canali:

consulenza e redazione piano industriale

Hai bisogno di aiuto?

Compila qui per ottenere una consulenza gratuita da 30 minuti.