Piano Industriale e Business Plan: quali sono le differenze?

Nel presente articolo spiego in dettaglio quali sono le differenze tra business plan e piani industriali, in quanto c’è molta confusione al riguardo ed è utile chiarire in modo definitivo il significato di questi termini.

Piano Industriale e Business Plan sono sinonimi: la differenza è l’utilizzo dei due termini in ambiti diversi

Business Plan è il termine utilizzato generalmente per start up e nuove imprese.

Piano Industriale è il termine utilizzato per imprese già esistenti (piccole, medie e grandi imprese) e imprese quotate in Borsa.

Business Plan e Piano Industriale

La struttura di business plan e piano industriale è diversa, ma la logica di fondo è identica

Se è vero che un piano industriale, esprimendo un piano relativo a un’azienda esistente, è leggermente diverso come struttura rispetto a un business plan, vediamo che la logica di entrambi è esattamente identica, infatti:

a. entrambi raccontano in dettaglio i piani di un’azienda: a livello strategico, a livello operativo e a livello economico finanziario

b. entrambi descrivono le strategie a livello di mercato e di aree di business: sia una start up che un’azienda esistente, nel loro business plan/piano industriale spiegano in quali mercati operano e in quali aree di business operano.

Business Plan e Piano Industriale: struttura e logica

Esempio pratico: business plan di un hotel esistente e un hotel nuovo, in fase di start up. In entrambi i casi verrà spiegato nel dettaglio se gli hotel operano sia nel turismo per lavoro che nel turismo per vacanza.

Entrambi descrivono la strategia a livello organizzativo
Esempio pratico: due aziende che operano nel settore della produzione di vino. La prima start up e la seconda esistente, descriveranno nel business plan/piano industriale cosa pianificano a livello organizzativo.

Entrambi forniscono il piano economico finanziario, cioè il dettaglio a livello quantitativo delle strategie e dei piani dettagliati.
Esempio pratico: il piano economico finanziario (conto economico, stato patrimoniale e rendiconto finanziario) è uno standard pressoché identico per tutte le casistiche di business plan e piano industriale.

Business Plan e Piano Industriale: logica

Volendo entrare in maggior dettaglio, possiamo trovare delle differenze nella struttura di conto economico, stato patrimoniale e rendiconto finanziario ma si tratta di dettagli di poca importanza, in quanto qualsiasi piano economico finanziario facente parte di un business plan/piano industriale professionale, avrà tutte le voci principali di conto economico, stato patrimoniale e rendiconto finanziario. Varieranno solo il modo in cui sono suddivise o dettagliate.

Esempio pratico: il rendiconto finanziario è composto in tutti i casi dai flussi di cassa operativi, i flussi di cassa relativi agli investimenti e i flussi di cassa di carattere finanziario. Qualsiasi rendiconto finanziario professionale fornirà questi valori, anche se vi sono layout (strutture diverse) come quelli a sezioni contrapposte, a cascata etc.

Business Plan e Piano Industriale: quindi in conclusione quali sono le differenze?

  1. Nella redazione di un business plan abbiamo la prima parte relativa al progetto di business / idea di impresa.

La prima parte dei business plan descrive un’idea di business definendo sia il potenziale di mercato sia i vantaggi: in questo caso il business plan ha la funzione di spiegare la validità di un progetto imprenditoriale e come è nato tale progetto.

Nel piano industriale non abbiamo una descrizione di un progetto imprenditoriale ma dello status aziendale.

Il piano industriale, trattando un’azienda esistente, descriverà nella prima parte l’azienda e la sua presenza nelle aree di business.

Esempio pratico: per comodità allego di seguito il piano industriale del gruppo il Sole 24 Ore. Come potete vedere, ovviamente trattandosi di una società in essere, descriverà nella parte iniziale il gruppo, per dare informazioni principali sull’azienda (in quali business opera e cosa vende).

2. Nel piano industriale ogni parte (organizzazione, prodotto, economico-finanziaria) avrà una descrizione dello status attuale e un piano che mira a spiegare “cosa cambia e perché” rispetto allo status attuale.

Business Plan e Piano Industriale: le differenze

A differenza di una start up, dove non abbiamo uno “storico” di prodotti venduti, tutte le aree del business plan avranno come differenza un approccio volto a spiegare:

a. La situazione attuale

b. Il piano per il futuro

Questo significa che in un piano industriale, la struttura come detto sarà molto simile a quella di un business plan e anche la logica di fondo (spiegare i piani futuri a tutti i livelli: prodotto, mercato, organizzazione e parte economico-finanziaria) sarà simile, ma l’approccio sarà volto a spiegare in dettaglio i cambiamenti che verranno apportati rispetto alla situazione attuale.

Business Plan e Piano Industriale: le differenze n.2

Vediamo un’estrema sintesi pratica di un piano industriale.

Organizzazione:
1. spieghiamo l’organizzazione attuale (personale suddiviso in tutte le aree aziendali)
2. spieghiamo i cambiamenti che ci saranno nei prossimi 3 anni (ad esempio sarà aumentato il personale in ambito del prodotto A e ridotto il personale nell’ambito del prodotto B)
3. nella parte economico-finanziaria vedremo i riflessi di questi cambiamenti a livello quantitativo (costi, investimenti e flussi di cassa).

Prodotto:
1. spieghiamo il portafoglio prodotto attuale (prodotto A, B e C)
2. spieghiamo le strategie di portafoglio prodotti nel prossimo triennio (ad esempio ampliamento de portafoglio prodotti, riduzione del portafoglio prodotti etc.).

Mercato:
1. l’analisi di mercato è volta a capire quali saranno le strategie aziendali, organizzative e di prodotto nel prossimo triennio (anche in questo caso le analogie con un business plan a livello di logica sono totali). Come detto, trattandosi di un piano industriale cioè relativo a un’azienda esistente, l’approccio sarà maggiormente volto a spiegare le strategie di prodotto attuali e le strategie di prodotto future.

Sintesi pratica di un piano industriale

Esempio di piano industriale

Al fine di fornire una spiegazione il più chiara possibile in riferimento alle differenze tra un business plan e un piano industriale, segue il link relativo al piano industriale del gruppo Il Sole 24 Ore.

Piano Industriale del Gruppo “Il Sole 24 Ore”

Se vuoi approfondire sul mio canale youtube sul business plan trovi molti video che trattano in modo pratico le tematiche relative a piani industriali, piani strategici ed economico finanziari e gestione di impresa

Piano Industriale: risposte alle domande frequenti

Cos’è un Piano Industriale?

Un Piano Industriale è un documento strategico che delinea gli obiettivi a lungo termine di un’azienda nel settore manifatturiero o industriale e le strategie per raggiungerli. Include piani per la produzione, l’innovazione tecnologica, il marketing, le risorse umane e le finanze.

Perché è importante un Piano Industriale?

È importante perché fornisce una guida per la crescita e lo sviluppo sostenibile dell’azienda, aiuta a ottimizzare le risorse, a migliorare l’efficienza operativa e a posizionarsi strategicamente nel mercato.

Quali sono i componenti chiave di un Piano Industriale?

I componenti chiave includono l’analisi di mercato, la strategia di sviluppo del prodotto, il piano di produzione, l’investimento in tecnologia e innovazione, la strategia di marketing, la pianificazione delle risorse umane e le proiezioni finanziarie.

Come si sviluppa un Piano Industriale efficace?

Per sviluppare un Piano Industriale efficace, è necessario condurre un’analisi approfondita del mercato e della concorrenza, definire obiettivi chiari, sviluppare strategie basate su dati solidi e creare un piano di implementazione dettagliato.

Qual è il ruolo dell’innovazione in un Piano Industriale?

L’innovazione è fondamentale in un Piano Industriale perché consente all’azienda di rimanere competitiva, di rispondere alle mutevoli esigenze del mercato e di sfruttare nuove opportunità tecnologiche.

Come si misura il successo di un Piano Industriale?

Il successo di un Piano Industriale si misura attraverso il raggiungimento degli obiettivi di produzione, l’aumento della quota di mercato, il miglioramento della redditività e l’efficacia nell’implementazione delle strategie.

Quali sono le sfide comuni nella creazione di un Piano Industriale?

Le sfide comuni includono la previsione accurata delle tendenze di mercato, la gestione dei rischi, l’adattamento alle nuove tecnologie, la gestione delle risorse finanziarie e umane e la conformità alle normative.

Come si allinea un Piano Industriale con la strategia aziendale generale?

Un Piano Industriale si allinea con la strategia aziendale generale assicurando che gli obiettivi industriali supportino la visione e la missione complessive dell’azienda e che le risorse siano allocate in modo da massimizzare il valore per l’azienda.

È possibile modificare un Piano Industriale una volta implementato?

Sì, un Piano Industriale dovrebbe essere flessibile e capace di adattarsi ai cambiamenti del mercato, alle nuove tecnologie e alle esigenze aziendali. È importante rivedere e aggiornare regolarmente il piano.

Quali risorse sono disponibili per aiutare nella creazione di un Piano Industriale?

Le risorse disponibili includono consulenti di strategia aziendale, software di pianificazione e analisi, report di settore, workshop e seminari, e supporto da enti di sviluppo economico.

Business plan: risposte alle domande frequenti

Cos’è un Business Plan?

Un Business Plan è un documento strategico che descrive in dettaglio un progetto imprenditoriale, comprensivo di obiettivi, strategie, vendite, marketing e previsioni finanziarie. Serve come guida per la gestione e la crescita dell’azienda e come presentazione per potenziali investitori

Perché è importante un Business Plan?

È importante perché fornisce una mappa stradale per la gestione e la crescita dell’azienda, aiuta a ottenere finanziamenti e a comunicare la visione aziendale a stakeholder esterni. Inoltre, dimostra la fattibilità del progetto agli investitori e ai finanziatori

Quali sono i componenti chiave di un Business Plan?

I componenti chiave includono il sommario esecutivo, l’analisi di mercato, la descrizione dell’azienda, l’organizzazione e la gestione, il piano di marketing, il piano operativo e le proiezioni finanziarie

Come si stima la dimensione del mercato in un Business Plan?

La dimensione del mercato si stima attraverso ricerche di mercato, analizzando dati di settore, tendenze di crescita, e valutando il potenziale target di clientela per il prodotto o servizio offerto

Come si effettua l’analisi della concorrenza in un Business Plan?

Si effettua identificando i principali concorrenti, valutando i loro punti di forza e debolezza, i prodotti, i prezzi, le strategie di marketing e la quota di mercato

Qual è il ruolo dell’analisi di mercato in un Business Plan?

L’analisi di mercato fornisce informazioni cruciali sul target di mercato, sulla concorrenza e sulle tendenze del settore, essenziale per sviluppare strategie efficaci e per dimostrare la fattibilità del business

Come si determinano i requisiti finanziari in un Business Plan?

I requisiti finanziari si determinano analizzando i costi di avvio, le spese operative previste, le proiezioni di vendita e i flussi di cassa per stabilire quanto capitale è necessario per avviare e sostenere l’attività

Quali sono le sfide comuni nella creazione di un Business Plan?

Le sfide comuni includono la definizione di un modello di business sostenibile, l’accuratezza delle proiezioni finanziarie, l’identificazione di un target di mercato chiaro e la capacità di attrarre investimenti

Come si misura il successo di un Business Plan?

Il successo si misura attraverso il raggiungimento degli obiettivi finanziari e di business delineati nel piano, l’efficacia delle strategie di marketing e la capacità di adattarsi ai cambiamenti del mercato

È necessario aggiornare un Business Plan?

Sì, è consigliabile aggiornare regolarmente il Business Plan per riflettere i cambiamenti nel mercato, nelle strategie aziendali e nelle condizioni finanziarie, garantendo così che rimanga uno strumento utile per la guida strategica

Piano industriale e business plan: link esterni utili

Piano industriale: libro

Piano industriale: definizione

Piano industriale: tesi

Business plan: definizione

Business plan: libro

Hai bisogno di aiuto per la TUA impresa o startup?

CLICCA QUI per ottenere 30
minuti di consulenza gratuita

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter
Facebook

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Segui i miei contenuti anche sui canali:

consulenza e redazione piano industriale

Hai bisogno di aiuto?

Compila qui per ottenere una consulenza gratuita da 30 minuti.