Cosa sono gli OKR

La gestione degli obiettivi in azienda può spesso sembrare un rebus complicato. Gli OKR, acronimo di Obiettivi e Risultati Chiave, sono la bussola che guida aziende di successo come Intel e Google.

In questo articolo, scopriremo cosa sono gli OKR e come questa metodologia può semplificare e rendere efficace il tragitto verso i vostri traguardi professionali. Si parte ora.

Cosa sono gli OKR (Obiettivi e Risultati Chiave)?

Gli OKR sono un metodo per stabilire cosa vuole raggiungere una persona o un’organizzazione e come. OKR significa “Obiettivi e Risultati Chiave”. Questo sistema aiuta a definire mete chiare e a misurare i progressi verso di esse.

Si pone un obiettivo ambizioso, poi si elencano i risultati chiave che dimostrano che l’obiettivo è stato raggiunto. Ogni risultato deve essere concreto, misurabile e difficile ma possibile.

I team e le persone usano gli OKR per andare nella stessa direzione e sapere quando hanno successo.

Ora vediamo da dove viene questa idea..

Origine degli OKR

Dopo aver scoperto cosa sono gli OKR, facciamo un salto indietro nel tempo per vedere da dove arrivano. Tutto cominciò negli anni ’70 con Andy Grove, uno dei fondatori di Intel. Lui creò un sistema chiamato “Management By Objectives”.

Più tardi, John Doerr, che aveva lavorato alla Intel, prese queste idee e le migliorò. Presentò gli OKR a Google all’inizio degli anni 2000 e da lì la loro popolarità è cresciuta moltissimo.

Adesso, tante aziende famose come LinkedIn, Twitter e Airbnb usano gli OKR per raggiungere i loro obiettivi grandi.

Questo sistema ha aiutato molte organizzazioni a puntare in alto e a tenere traccia dei loro progressi. L’idea di base è collegare gli obiettivi a risultati chiari e misurabili. Così, tutti sanno cosa devono fare e possono vedere se stanno andando nella direzione giusta.

Questa chiarezza aiuta le persone a lavorare meglio insieme verso obiettivi comuni.

Componenti di un OKR

Nell’esplorare la struttura degli OKR, scopriremo come obiettivi ambiziosi e risultati chiave misurabili diventano il motore centrale per una gestione dei progetti efficace; continua a leggere per imparare a distillare la tua visione in azioni concrete.

Obiettivi

Gli obiettivi negli OKR devono spingere a dare il massimo. Sono la direzione che l’azienda o la persona vuole seguire. Questi devono essere grandi, audaci e un po’ spaventosi. Si, proprio così, se non ti fanno un po’ paura, forse non sono abbastanza ambiziosi! Pensa in grande e mira a cambiare davvero le cose.

Per fare questo bene, un obiettivo deve essere chiaro e ispirare tutti. Deve accendere una scintilla nelle persone che lavorano per raggiungerlo. E non dimenticare: raggiungere un 70% del tuo obiettivo OKR è già un successo grandioso.

Vuol dire che hai sfidato te stesso e hai fatto un lavoro importante.

Risultati Chiave

Dopo aver definito gli obiettivi, si passa ai risultati chiave. Questi sono segnali concreti che mostrano se stai facendo progressi verso il tuo obiettivo. Ogni obiettivo ha vari risultati chiave per tenere traccia del successo.

Questi risultati devono essere misurabili e avere una scadenza. Così, puoi vedere chiaramente se ti muovi nella giusta direzione. Se incontri i tuoi risultati chiave, sai che sei sulla strada per raggiungere il tuo obiettivo grande.

La differenza tra OKR e KPI

Gli OKR e i KPI sono strumenti per aiutare le aziende a fare bene il loro lavoro. Gli OKR uniscono obiettivi grandi con risultati chiari da raggiungere. Questi aiutano tutti a capire cosa è importante fare e come sapere se stanno andando nella direzione giusta.

differenza tra OKR e KPI

I KPI, invece, sono numeri che dicono come va l’azienda in certi settori. Sono come termometri che misurano la salute dell’azienda in tempo reale. Serve usarli bene per capire dove migliorare.

Gli OKR spingono a crescere e fare meglio, mentre i KPI dicono dove siamo ora.

Perché gli OKR funzionano

Gli OKR colpiscono nel segno perché trasformano visioni ampie in piani d’azione concreti, consentendo alle squadre di navigare con precisione verso obiettivi comuni. È questo allineamento strategico, unito alla misurabilità dei progressi, a renderli uno strumento tanto efficace quanto dinamico all’interno delle organizzazioni moderne.

OKR - perchè funzionano

Partire dalla fine

Partire dalla fine significa sapere dove si vuole arrivare. Si stabilisce l’obiettivo finale prima di pianificare i passi per raggiungerlo.

  • Immagina il successo che desideri per la tua azienda o il tuo progetto.
  • Fissa questo obiettivo come punto di arrivo.
  • Pensa a cosa devi fare oggi per muoverti verso quell’obiettivo.
  • Scrivi risultati chiave che mostrino i progressi verso l’obiettivo.
  • Usa questi risultati per guidarti nelle decisioni giornaliere.
  • Controlla regolarmente se stai andando nella direzione giusta.
  • Ajusta i tuoi piani quando scopri modi migliori di avanzare.

Integrazione tra Bottom-Up e Top-Down

Gli OKR uniscono i punti di vista di tutti in azienda. I dipendenti ai vari livelli possono dare il loro contributo; questo si chiama approccio Bottom-Up. Allo stesso tempo, i capi stabiliscono la direzione e gli obiettivi principali; questo è il Top-Down.

Questa integrazione fa sì che ognuno sappia come il proprio lavoro aiuta l’intera azienda a crescere.

Questo sistema rende tutti parte del piano più grande. La gente vede come il proprio lavoro si lega agli obiettivi dei capi e di tutta l’azienda. Così, si lavora meglio insieme e si raggiungono traguardi importanti.

Questo ci porta a condividere la stessa visione, sia che si sia manager o collaboratori.

Visione Condivisa tra Manager e Collaboratori

I manager e i loro team lavorano meglio quando hanno una meta comune da raggiungere. Con gli OKR, tutti sanno dove l’azienda vuole andare e quali passi prendere per arrivarci. Questo metodo fa sì che ognuno si senta parte di un progetto più grande, e questo aiuta le persone a dare il massimo.

I collaboratori capiscono come il loro lavoro aiuta l’azienda a crescere. Ecco perché avere una visione condivisa è tanto importante: motiva tutti a spingere nella stessa direzione, tenendo alta l’attenzione sui grandi obiettivi dell’organizzazione.

Quando i manager condividono gli OKR con i loro team, creano un legame forte. I collaboratori sentono che la loro voce conta e che possono contribuire davvero al successo dell’azienda.

Questa trasparenza porta autenticità nel lavoro di tutti e invita alla condivisione di idee e strategie. Si crea così un ambiente dove la responsabilità è chiara, l’autonomia è incoraggiata e ogni persona sa che il suo contributo è fondamentale per vincere le sfide e superare i limiti insieme.

Come definire buoni OKR

come definire gli OKR

Definire buoni OKR aiuta a puntare in alto e a chiarire cosa vuoi che la tua azienda raggiunga. Ecco alcuni passi fondamentali per stabilirli correttamente:

  • Sii specifico con gli obiettivi: Devono dire chiaramente dove si vuole arrivare, così tutti lo capiscono.
  • Rendi i Risultati Chiave misurabili: È importante sapere quando li raggiungi, quindi usa numeri o percentuali.
  • Pensa grande ma realistico: Gli obiettivi devono essere ambiziosi ma possibili da raggiungere per non scoraggiare le persone.
  • Coinvolgi il team: Parla con chi lavora con te. Tutti devono sapere gli OKR e come possono contribuire.
  • Controlla l’allineamento: Assicurati che gli OKR del team supportino quelli dell’azienda intera.
  • Aggiorna spesso: Guarda come stai andando e fai cambiamenti se serve, almeno ogni tre mesi.
  • Impara dagli errori: Quando qualcosa non va bene, usa l’esperienza per fare meglio dopo.

Esempi di OKR

Immergetevi nel mondo degli OKR con esempi concreti che illumineranno il percorso verso una gestione degli obiettivi efficace – scopri come aziende di successo e team dinamici li traducono in realtà.

A livello aziendale

Le grandi aziende come Google e Facebook si affidano agli OKR per crescere e migliorare. Si pongono obiettivi grandi ma possibili da raggiungere e poi tracciano i progressi con risultati chiave specifici.

Per esempio, un obiettivo aziendale potrebbe essere “Aumentare il coinvolgimento dei dipendenti”. I risultati chiave potrebbero includere “Fare interviste con il 90% dei dipendenti” o “Creare 10 nuovi programmi di formazione”.

Questo metodo aiuta a sapere sempre se ci si sta muovendo nella giusta direzione. Inoltre, rende chiaro a tutti cosa è importante e dove concentrarsi. Usare gli OKR fa sì che le decisioni e le azioni di tutti spingano verso lo stesso traguardo.

Così, tutti nel team o nell’azienda lavorano insieme per fare cose grandi.

Specifici per un team

Gli OKR per un team aiutano a puntare tutti verso la stessa direzione. Ogni squadra sceglie obiettivi che supportano quelli più grandi dell’azienda. Per esempio, il team di marketing potrebbe avere un obiettivo come “Crescere la conoscenza del marchio”.

Poi aggiungono risultati chiave come “Aumentare i follower sui social media del 25%”. Questo modo di fare dà chiarezza su cosa lavorare ogni giorno.

Ogni team può misurare il proprio successo in modo chiaro e veloce. Con gli OKR, sanno sempre se si stanno avvicinando o allontanando dal loro scopo principale. E non solo aiutano a sapere dove andare, ma incoraggiano anche il lavoro di gruppo.

Tutti nel team danno una mano per raggiungere i risultati chiave e questo rende il lavoro più coinvolgente.

OKR personali

Gli OKR non sono solo per le aziende. Anche le persone possono usare questo metodo per crescer. Fai un piano per te stesso con obiettivi chiari e risultati specifici che vuoi raggiungere.

Questo aiuta a mantenere la focus e vedere quanto bene stai facendo verso il tuo scopo personale.

Per esempio, puoi avere l’obiettivo di leggere più libri quest’anno. I tuoi risultati chiave potrebbero essere finire un libro ogni mese o unire un club di lettura. Questo ti può dare una spinta e mostrarti i progressi che fai ogni passo della strada.

Con gli OKR personali, prendi in mano la tua crescita e vai avanti verso i tuoi sogni.

I vantaggi degli OKR

Gli OKR catalizzano il potenziale di un’organizzazione, trasformando le ambizioni in risultati tangibili e misurabili. Scopri come questa metodologia può ridefinire la roadmap del successo aziendale, stimolando sinergie inaspettate all’interno dei team.

i vantaggi degli OKR

Impostazione rapida di obiettivi fruibili

Con gli OKR, le aziende possono fissare i propri obiettivi in modo veloce. Questo succede perché gli OKR si impostano normalmente ogni tre mesi. Si può decidere cosa si vuole raggiungere e poi agire subito.

Vanno dritti al punto, senza perdere tempo.

Questo sistema aiuta tutti a sapere cosa fare. Ogni team sa quali sono i risultati chiave da ottenere. Così, il lavoro va avanti più in fretta e tutti possono vedere i progressi.

Quando le cose sono chiare, è più facile fare bene il proprio lavoro.

Incremento della collaborazione interfunzionale

Dopo aver stabilito rapidamente obiettivi chiari, gli OKR spingono i team a unire le forze. Lavorando insieme, diversi reparti condividono idee e risorse. Questo aiuta tutti a muoversi nella stessa direzione.

I membri di un team imparano dagli altri e migliorano i loro metodi.

Usare gli OKR rende più facile vedere come il lavoro di una persona aiuta il gruppo. Questo porta a una maggiore collaborazione tra reparti. Con più comunicazione, si creano soluzioni migliori e si raggiungono obiettivi importanti per la crescita dell’azienda.

Aumento del coinvolgimento dei dipendenti

Lavorare bene insieme porta a grandi risultati. Ma cosa succede quando ciascuno sa che il suo lavoro conta davvero? Questo è il potere degli OKR. Danno a tutti un fine chiara e mostrano come il loro lavoro aiuta l’azienda.

Quando i dipendenti vedono il collegamento tra quello che fanno e gli obiettivi dell’azienda, si impegnano di più. Sentono che il loro lavoro ha uno scopo e si spingono a fare di più.

Con gli OKR, i dipendenti hanno voce in capitolo sui loro obiettivi. Questo li rende più coinvolti nel loro lavoro di tutti i giorni. Sanno che le loro azioni hanno effetto sul successo complessivo dell’azienda.

E questo non solo li fa sentire importanti, ma raddoppia anche la loro voglia di dare il massimo.

Come implementare gli OKR nella tua organizzazione

L’adozione degli OKR può sembrare una sfida, ma con un metodo chiaro e strutturato è possibile trasformarla in un potente alleato per la crescita. Impara a infondere questa strategia nelle ossa della tua organizzazione, dando spazio a obiettivi ambiziosi e misurabili che parlano la lingua del successo.

Scrittura, review e waterfall

Scrivere buoni OKR inizia con l’identificazione di obiettivi chiari e misurabili. Ogni obiettivo deve avere risultati chiave che mostrano se il lavoro fatto sta andando nella giusta direzione.

Questi risultati sono come segnali lungo il percorso che ti dicono se sei vicino o lontano dalla tua meta.

Dopo aver scritto gli OKR, è importante controllarli e aggiustarli. A volte, parlando con altri nel team o guardando i dati, scopri che alcune parti degli OKR devono cambiare. Questo processo di controllo e cambiamento aiuta tutti a restare concentrati sulle cose più importanti.

Si chiama “waterfall” perché le informazioni e le decisioni scendono dall’alto, dai capi ai team, come l’acqua in una cascata. Questo aiuta a tenere tutti sulla stessa pagina.

Consigli per aumentare le probabilità di successo

Per fare bene con gli OKR, serve una buona strategia. Ecco alcuni consigli per aiutarti a usare gli OKR nel modo migliore.

  • Sii chiaro sugli obiettivi. Devi sapere esattamente dove vuoi arrivare.
  • Stabilisci risultati chiave misurabili. Questi ti diranno se stai andando nella direzione giusta.
  • Parti dalla prima linea. Ascolta chi lavora direttamente con i clienti o sul prodotto.
  • Mantieni tutto semplice. Gli OKR complessi confondono e demotivano.
  • Scegli pochi obiettivi importanti. Troppi obiettivi distraggono dall’essenziale.
  • Cerca di raggiungere un 70% dei tuoi OKR. Se ci riesci, significa che erano sfidanti ma possibili.
  • Lavora in team. Gli OKR richiedono la collaborazione di tutti per funzionare al meglio.
  • Rifiuta le attività che non servono agli OKR. Concentrati solo su quello che aiuta a raggiungere gli obiettivi.
  • Accetta l’imperfezione. Non tutto andrà come previsto, e va bene così.

Miti sugli OKR

Gli OKR aiutano a raggiungere obiettivi importanti in modo efficace. Spesso, però, ci sono idee sbagliate su come funzionano.

  • Gli OKR non sono valutazioni: Molte persone pensano che gli OKR siano usati per giudicare il lavoro delle persone. Non è così; servono a guidare e migliorare.
  • Non sono legati ai bonus: Contrario a quanto alcuni credono, gli OKR non devono essere collegati ai soldi extra che ricevi al lavoro.
  • Incoraggiano obiettivi grandi: C’è il mito che con gli OKR si debbano scegliere solo mete sicure. In realtà spingono verso sfide più grandi.
  • Si può cambiare strada: Qualcuno potrebbe pensare che una volta scelti gli OKR bisogna seguirli senza cambiamenti. Invece, si possono aggiustare se serve.
  • Sono utili per tutti: Alcuni dicono che solo le grandi aziende possono usarli. Anche piccoli gruppi o singole persone ne traggono beneficio.
  • Non sono liste di cose da fare: Gli OKR non sono semplicemente elenchi di compiti. Sono mirati sui risultati chiave da raggiungere.
  • Aiutano ad imparare dai fallimenti: Un altro errore è credere che gli OKR siano solo per celebrare successi. Aiutano anche a capire cosa non ha funzionato e come migliorare.

Cosa sono gli OKR: risposte alle domande frequenti

Cos’è il sistema degli OKR?

Il sistema degli OKR (Objectives and Key Results) è un metodo di gestione degli obiettivi utilizzato per impostare e tracciare obiettivi chiari e misurabili all’interno di un’organizzazione. Gli OKR aiutano a focalizzare gli sforzi su ciò che è più importante per il successo aziendale.

Come si strutturano gli OKR?

Gli OKR si strutturano in due parti:

  1. Objective (Obiettivo): una dichiarazione chiara e ispiratrice di ciò che si vuole raggiungere.
  2. Key Results (Risultati Chiave): metriche specifiche e misurabili che indicano il progresso verso l’obiettivo.

Quali sono i vantaggi dell’utilizzo degli OKR?

I vantaggi includono:

  • Miglioramento della focalizzazione e dell’allineamento organizzativo.
  • Aumento della trasparenza e della responsabilità.
  • Facilitazione della misurazione del progresso.
  • Potenziamento della motivazione e dell’impegno del team.

Come si stabiliscono degli OKR efficaci?

Per stabilire degli OKR efficaci, è importante:

  • Definire obiettivi chiari e ispiratori.
  • Assicurarsi che i risultati chiave siano misurabili e basati su dati.
  • Allineare gli OKR con la strategia aziendale.
  • Coinvolgere il team nella definizione degli OKR per garantire l’acquisto.

Con quale frequenza si dovrebbero rivedere gli OKR?

Gli OKR dovrebbero essere riveduti regolarmente, tipicamente ogni trimestre, per valutare i progressi e apportare eventuali aggiustamenti. Alcune organizzazioni possono scegliere di rivederli anche mensilmente.

Gli OKR sono adatti per ogni tipo di organizzazione?

Gli OKR possono essere adattati e utilizzati da organizzazioni di qualsiasi dimensione e settore, ma richiedono un impegno alla trasparenza e alla misurazione dei progressi per essere efficaci.

Qual è la differenza tra OKR e KPI?

Gli OKR sono obiettivi strategici con risultati chiave misurabili, mentre i KPI (Key Performance Indicators) sono metriche che monitorano la performance operativa. Gli OKR sono spesso utilizzati per guidare il cambiamento e l’innovazione, mentre i KPI tendono a concentrarsi sulla performance corrente.

Come si allineano gli OKR individuali con quelli aziendali?

Gli OKR individuali dovrebbero essere direttamente collegati agli OKR aziendali per garantire che il lavoro di ogni persona contribuisca agli obiettivi più ampi dell’organizzazione.

Quali sono le sfide comuni nell’implementazione degli OKR?

Le sfide comuni includono la resistenza al cambiamento, la difficoltà nel definire risultati chiave misurabili, e il rischio di sovraccarico di obiettivi. È importante avere una formazione adeguata e un supporto continuo durante l’implementazione degli OKR.

Come si misura il successo degli OKR?

Il successo degli OKR si misura valutando il grado di raggiungimento dei risultati chiave. Un OKR è considerato un successo se i risultati chiave sono stati raggiunti o superati entro il termine stabilito.

Conclusione

Gli OKR ci aiutano a fare grandi cose. Dicono dove vogliamo andare e come sapere se ci siamo arrivati. Tutti in azienda possono vedere e usare gli OKR. Così, lavoriamo insieme meglio.

Con gli OKR, possiamo raggiungere i nostri sogni.

OKR: link esterni utili

OKR: definizione
OKR: libro
OKR: tesi

Hai bisogno di aiuto per la TUA impresa o startup?

CLICCA QUI per ottenere 30
minuti di consulenza gratuita

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter
Facebook

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Segui i miei contenuti anche sui canali:

consulenza e redazione piano industriale

Hai bisogno di aiuto?

Compila qui per ottenere una consulenza gratuita da 30 minuti.