MARGINE DI CONTRIBUZIONE: cos’è, come si calcola e a cosa serve

In questo post vi spiego in modo semplice e chiaro sia il significato di margine di contribuzione, sia come si calcola e come utilizzare questo indicatore in modo efficace.

Premesse: il margine di contribuzione può essere

  • aziendale: margine dell’azienda nel suo complesso
  • unitario: di un singolo prodotto o servizio

Nell’articolo vedremo prima il margine di contribuzione aziendale e poi vedremo il margine di contribuzione unitario

Vediamo di seguito punto per punto

Cosa serve per calcolare il margine di contribuzione

Il margine di contribuzione deve essere calcolato utilizzando un conto economico riclassificato perché se si prende un conto economico non in classificato è praticamente impossibile capire cos’è il margine di contribuzione, che risulterebbe poco visibile, difficile da calcolare e poco chiaro, se non proprio errato.

Vediamo di seguito la struttura di un conto economico riclassificato in modo corretto

Il conto economico riclassificato

  • Ricavi
  • Costi variabili
  • Margine di contribuzione di 1° livello (ricavi – costi variabili)
  • Costi fissi operativi diretti
  • Margine di contribuzione di 2° livello
  • Costi fissi indiretti
  • Margine operativo lordo (margine di contribuzione – costi fissi operativi)
  • Ammortamenti
  • Utile operativo (margine operativo lordo – ammortamenti)
  • Oneri e/o proventi finanziari
  • Utile (al lordo delle tasse sul reddito)

Riclassificazione a Margine di Contribuzione: esempio pratico

Di segiuuito vi mostri un conto economico riclassificato secondo il criterio delk margine di contribuzione. tratto da un azienda mia cliente

margine di contribuzione: riclassificazione ed esempio

Cos’è il margine di contribuzione: definizione

Abbiamo 2 tipologie di margine di contribuzione aziendale: margine di contribuzione lordo o di 1° livello, margine di contribuzione di 2° livello

margine di contribuzione di primo e secondo livello

Margine di contribuzione lordo – di 1° livello

Il margine di contribuzione lordo è il margine ottenuto sottraendo dai ricavi di vendita i costi variabili diretti. Questo margine può essere inteso sia come margine totale tra le vendite totali e i costi variabili totali sia come margine di contribuzione di un singolo prodotto e/o servizio

Ricavi – Costi Variabili Diretti = Margine di Contribuzione Aziendale

Margine di contribuzione di 2° livello

Il margine di contribuzione di 2° livello è il margine al netto anche dei costi fissi diretti (cioè dei costi fissi direttamente imputabili ad un prodotto o servizio, ad esempio i costi di un dipendente che produce un determinato prodotto o eroga un determinato servizio.

Margine di Contribuzione: guida pratica (VIDEO)

Come calcolare il margine di contribuzione lordo aziendale: esempio pratico

L’azienda in questione è un’azienda che opera nel settore delle apparecchi medicali e si prenderà come esempio pratico di calcolo del margine di contribuzione.

Come è strutturato il margine di contribuzione:

Il margine di contribuzione lordo è strutturato come la differenza tra i ricavi e i costi variabili diretti. Nel caso dell’azienda presa come esempio, i costi variabili sono rappresentati dalle materie prime, dai semilavorati, dai componenti e dalle lavorazioni esterne per la parte di produzione e dai costi di commercializzazione e vendita. Se ci sono dipendenti, il loro costo è un costo fisso e verrà messo come costi del costo del personale diretto sotto, mentre sopra lascio solo la parte variabile.

Calcolo del margine di contribuzione lordo

Nell’azienda presa come esempio, la fatturazione è di 1.000.000 di euro, di cui 380.000 euro corrispondono ai costi variabili diretti. Il margine di contribuzione lordo, ovvero i ricavi di vendita – i costi variabili diretti variabili, è del 62% sui ricavi

1.000.000 (fatturato) – 380.000 (costi diretti varabili) = 620.000 (62%)

Calcolo del margine di contribuzione di 2° livello

Per calcolare il margine di contribuzione di 2° livello dovrò sottrarre al margine di contribuzione lordo i costi fissi diretti (in questo caso relativi al personale diretto di produzione)

620.000 (margine di contribuzione lordo) – 130.000 (costo del personale diretto) = 490.000 Euro

A cosa serve il margine di contribuzione lordo

Il margine di contribuzione serve per capire con quale margine si vanno a pagare tutti i costi fissi. Nel caso dell’azienda presa come esempio, il margine di contribuzione ci dice che su 100 euro, praticamente 62 euro si dedicheranno a comprare o produrre quello che si vende e a coprire i costi annessi, come le provvigioni alla rete vendita e i costi di trasporto.

Il margine di contribuzione aiuta a capire qual è la struttura dei costi dell’azienda. Nel caso dell’azienda presa come esempio, sappiamo che su 100 euro di vendite ci rimangono 62 euro per coprire i costi fissi.

A cosa serve il margine di contribuzione di 2° livello

Il margine di contribuzione di secondo livello ci serve invece

  1. a capire quanto margine reale genera l’azienda in base ai prodotti o servizi che vende. Infatti essendoci spesso molti costi diretti fissi, che quindi non variano in modo proporzionale al fatturato, dobbiamo anche conoscere sia il valore dei costi diretti fissi per sapere quale dei costi diretti siano legati alla produzione e quali costi fissi siano invece indiretti.
  2. a capire quanto margine abbiamo per coprire i costi fissi indiretti

Il margine di contribuzione unitario

Il margine di contribuzione unitario ha lo stesso significato del margine di contribuzione aziendale ma è riferito ad una singola unità di prodotto o servizio anzichè all’azienda nel suo complesso

A cosa serve il margine di contribuzione unitario

Il margine di contribuzione unitario serve a

  • capire qual’è il margine di un prodotto o servizio che vendiamo
  • confrontare i margini dei nostri prodotti o servizi
  • decidere su quali prodotti o servizi vogliamo investire maggiormente
  • decidere la strategia di promozione dei nostri servizi anche in base al margine che ognuno di essi genera
  • capire come strutturare il nostro portafoglio di prodotti o servizi

Come si calcola il margine di contribuzione unitario

margine di contribuzione unitario, come si calcola

Il margine di contribuzione unitario può essere calcolato nello stesso modo di quello aziendale, unica differenza che anziché prendere i ricavi aziendali nella loro totalità prendiamo i ricavi per ogni prodotto

Prezzo di vendita – costi diretti variabili unitari = margine di contribuzione unitario di 1° livello

Margine di contribuzione unitario lordo – costi diretti fissi per unità di prodotto = margine di contribuzione unitario di 2° livello

Per meglio comprendere la logica di calcolo dobbiamo sapere che

I costi variabili unitari sono i costi variabili per uno specifico prodotto/servizio, quindi devono essere presi a distinta base

I costi diretti fissi per prodotto devono essere presi secondo un driver di calcolo, dobbiamo avere cioè un sistema di analisi dei costi che ci permetta di calcolare un valore di costi fissi diretti per unità venduta.

Margine di Contribuzione: risposte alle domande frequenti

Perché è importante il Margine di Contribuzione?

È importante perché aiuta a valutare l’efficienza di un prodotto o servizio nel generare reddito, al di sopra dei costi variabili. Offre una visione chiara di quali prodotti o servizi contribuiscano maggiormente alla copertura dei costi fissi e alla generazione di profitto per l’azienda.

Come si calcola il Margine di Contribuzione?

Il Margine di Contribuzione si calcola sottraendo i costi variabili totali dai ricavi totali di vendita di un prodotto o servizio. La formula è: Margine di Contribuzione = Ricavi di vendita – Costi variabil​​】.

Qual è la differenza tra Margine di Contribuzione e Utile Lordo?

Mentre il Margine di Contribuzione considera solo i costi variabili direttamente attribuibili al prodotto o servizio, l’Utile Lordo include sia i costi variabili sia una parte dei costi fissi attribuibili alla produzione o erogazione del prodotto o servizio.

Come può un’azienda utilizzare il Margine di Contribuzione per migliorare la sua gestione finanziaria?

Un’azienda può utilizzare il Margine di Contribuzione per identificare i prodotti o servizi più redditizi, per prendere decisioni informate su prezzi, produzione, e assortimento prodotti. Inoltre, può servire per valutare l’impatto di variazioni dei costi variabili o dei prezzi di vendita sulla redditività.

Margine di Contribuzione: link esterni utili

Margine di contribuzione: definizione (wiki)

Hai bisogno di aiuto per la TUA impresa o startup?

CLICCA QUI per ottenere 30
minuti di consulenza gratuita

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter
Facebook

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Segui i miei contenuti anche sui canali:

consulenza e redazione piano industriale

Hai bisogno di aiuto?

Compila qui per ottenere una consulenza gratuita da 30 minuti.