Business Angels e Venture Capitals: 3 errori da non fare

In questo articolo fornisco una prima sintesi di errori raccolti in oltre 50 presenze di elevator pitch di startup a un pubblico spesso composto da business angels e venture capitals.

Evitando questo 3 errori sicuramente avrete già tolto la maggior parte dei problemi che capitano durante le presentazioni.

Una premessa: prima di presentarvi a potenziali investitori: preparatevi bene, preparate delle presentazioni (pitch deck) preparate lo storytelling (elevator pitch) ed un business pla professionale oppure alla prima domanda specifica (esempio: dove avete preso il margine di contribuzione dei prodotti? oppure: come avete calcolato il costo di acquisizione dei clienti?) fate una figuraccia

1. Non abbiamo concorrenti

Ogni iniziativa imprenditoriale ha una concorrenza. Se non li avete ancora trovati, nella maggior parte dei casi probabilmente non avete fatto un analisi della concorrenza efficace.

Esiste il caso in cui non esistano concorrenti diretti ma esistano concorrenti indiretti, ma che non ci siano concorrenti è veramente raro.

All’interno della vostra presentazione dovete assolutamente includere una slide con tutti i vostri concorrenti (diretti o indiretti) o gli investitori penseranno che state cercando di nascondere qualcosa o che non siete abbastanza informati sul vostro mercato.

Un errore frequente accade qualora non abbiate concorrenti diretti: ad esempio se la vostra startup propone un integratore alimentare con una composizione particolare che non ha nessun concorrente e che serve a ridurre il colesterolo, avrà tra i concorrenti altri integratori che riducono il colesterolo.

Qualora invece il vostro intregratore risolva (realmente) un problema che nessun integratore risolve, allora potreste non avere concorrenti diretti ma questo solo nel caso in cui non ci siano altre soluzioni (terapie, etc.) che abbiano gli stessi effetti del vostro integratore.

Ciò significa che il vostro integratore NON HA concorrenti solo se risolve un problema che nessuno risolve in nessun altro modo.

Business Angels e Venture Capitals: pensare di non avere concorrenti

2. Non spiegare i punti deboli del progetto

Avere successo durante una presentazione ad investitori non significa limitarsi a enfatizzare i punti di forza ma significa mostrarsi preparati spiegando tutti i fattori di rischio o i punti deboli e fornendo per ognuno di essi una precisa strategia per affrontarli.

Business angels e venture capitals apprezzano infatti

  1. un elenco dettagliato dei punti di debolezza del progetto e delle relative strategie per superarli, strategie che rientrano nel business plan e nella richiesta di fondi (i fondi servono anche per aiutare a risolvere o superare i problemi di una startup
  2. un elenco dettagliato dei fattori di rischio: tale analisi potete farla con il metodo pestel (fattori economici, sociali, tecnologici, politici e normativi che possono rappresentare opportunità o fattori di rischio) ed unire un analisi approfondita e onesta della vostra organizzazione che mostri quali sono gli eventuali fattori di rischio interni (ad esempio un software legato ad una persona specifica che se lascia l’azienda mette a rischio l’intero progetto)

3. Non dire mai a business angels e venture capitals: è un investimento sicuro

Business angels e venture capitals sono esperti di startup, hanno investito in progetti analoghi al vostro e sanno bene che, fisiologicamente, i progetti così detti “early stage” sono pieni zeppi di rischi.

Se è vero che ci possono essere delle eccezioni, è necessario essere onesti e saper risconoscere che un azienda nelle sue fasi inziali non ha ancora una posizione stabile nel mercato e non ha ancora dato prova della validità del suo business.

La maggior parte delle startup fallisce. tra queste molte di esse sono anche state analizzate e oggetto di investimento da parte di investitori esperti.

Nella quasi totalità dei casi il vostro progetto ha dei rischi, alti o bassi che siano, perché le variabili di rischio sono molte e sono eterogenee.

Se affermate che il rischio è basso/nullo, a meno che non vi troviate di fronte ad amici o parenti che investono in voi e non sono in grado di valutare un investimento, avete perso in partenza buona parte della fiducia di un investitore.

Non dire mai a un Business Angels e ad un Venture Capitals: è un investimento sicuro

Business Angels: risposte alle domande frequenti

Cosa sono i Business Angels?

I Business Angels sono investitori privati, spesso imprenditori o professionisti con una significativa esperienza aziendale, che investono capitali propri in startup o imprese in fase iniziale con elevate prospettive di crescita​​.

Quanto capitale investono i Business Angels?

Il capitale investito da un Business Angel varia, ma statisticamente si posiziona spesso al di sotto dei 500.000 euro, con investimenti medi che possono variare a seconda del progetto e del settore​​.

Quali sono i vantaggi di avere un Business Angel come investitore?

Oltre al capitale, i Business Angels spesso offrono alle startup mentorship, esperienza di business, accesso a una rete di contatti professionali e supporto strategico​​.

Cosa cercano i Business Angels in una startup?

I Business Angels cercano startup con un forte punto di vendita unico, una chiara ambizione di crescita, e un team solido in grado di guidare l’impresa verso il successo. Sono anche interessati a comprendere il tasso di consumo di cassa (cash burn rate) e il runway, ovvero quanto tempo l’impresa può operare prima di necessitare ulteriori finanziamenti​​.

Come posso attrarre un Business Angel?

Per attrarre un Business Angel, è essenziale avere un business plan solido, dimostrare una conoscenza approfondita del mercato di riferimento, avere un prodotto o servizio innovativo e mostrare potenzialità di crescita. La trasparenza finanziaria e un chiaro percorso verso la redditività sono altresì cruciali​

Venture Capitals: risposte alle domande frequenti

Cosa sono i Venture Capitals?

I Venture Capitals (VC) sono fondi di investimento che forniscono capitale a startup o aziende in fase iniziale con un alto potenziale di crescita in cambio di una quota azionaria. Gli investimenti VC sono noti per il loro alto rischio, ma anche per il potenziale di rendimenti elevati.

Qual è il ruolo dei Venture Capitalists?

I Venture Capitalists sono professionisti o società di investimento che gestiscono i fondi di Venture Capital. Il loro ruolo è identificare le aziende con il maggior potenziale, investire in esse e poi supportarle attraverso la crescita, spesso fornendo non solo capitale, ma anche consulenza strategica e accesso a una rete di contatti.

Quali sono i termini e condizioni comuni per il finanziamento di Venture Capital?

I termini e condizioni variano ampiamente a seconda del fondo di Venture Capital, dello stadio dell’azienda e dell’industria, ma possono includere la quantità di capitale investito, la quota di proprietà richiesta, diritti di voto e clausole di uscita​​.

Come posso attrarre un investimento da un Venture Capital?

Per attrarre un investimento da un Venture Capital, la tua startup deve avere un modello di business solido, un mercato potenziale significativo, un team forte e una proposta di valore unica. È fondamentale avere anche una presentazione convincente e dati concreti che dimostrino la tua crescita e il potenziale di mercato.

Quali sono gli errori comuni che le startup commettono con i Venture Capitals?

Gli errori comuni includono non avere un piano di business chiaro, sopravvalutare la propria azienda, non fare la dovuta diligenza sul VC e non prepararsi adeguatamente per le negoziazioni di termini e condizioni​​.

Business Angels e Venture Capitals: Link esterni e fonti utili

Business Angels: wikipedia

Venture Capital: wikipedia

Hai bisogno di aiuto per la TUA impresa o startup?

CLICCA QUI per ottenere 30
minuti di consulenza gratuita

Hai trovato interessante questo articolo?
Condividilo con i tuoi contatti!

LinkedIn
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter
Facebook

Se desideri darmi un feedback o raccontarmi le tue esperienze contattami, parleremo del tuo progetto e di come renderlo più efficace.

Segui i miei contenuti anche sui canali:

consulenza e redazione piano industriale

Hai bisogno di aiuto?

Compila qui per ottenere una consulenza gratuita da 30 minuti.